LA STORIA

Milano negli ultimi anni si presenta con un originale nuovo skyline, dove viene mescolata storia e modernità. […] Mi piacciono le silhouette, le ombre, le figure semplici ma immediatamente riconoscibili, mi piace l' "urban wandering" […] da esperto di design, dopo tanti anni mi è venuta questa idea evocativa della città, le luci, i lampioni accesi... (Alessandro Giust).  

Da una creazione di Alessandro Giust, Terenzi Srl realizza Skylight che, partendo da una lastra in acciaio calamina, ricava la sagoma di Milano, rendendo facilmente riconoscibile quanto accompagna la nostra vista cittadina. I primi grattacieli milanesi risalgono al 1923, venne poi la Torre Velasca nel ‘58. Lo Skyline di Milano è una questione storica: nel 1960 su progetto di Giò Ponti sorge il Grattacielo Pirelli, chiamato “Il Pirellone” dai milanesi, emblema del boom economico. Nel 1994 è il turno delle due Torri FS. Dal 2010 la vera e propria rivoluzione: viene completato il Palazzo Lombardia. Il progetto Porta Nuova regala dunque a Milano una Skyline da vera metropoli, con la Torre UniCredit e poi la Torre Solaria, il più alto edificio residenziale d'Italia. Fanno parte del progetto anche il Bosco Verticale e la Torre Diamante, il più alto edificio in acciaio d'Italia. Contemporaneamente sorge il quartiere CityLife, che pianifica tre grattacieli, iconici nel loro insieme: le celebri Torre Allianz, Torre Generali e Torre Libeskind.

LE CARATTERISTICHE

Skylight è un oggetto luminoso, che crea un’atmosfera intima e confortevole.

Edifici come il Duomo, l’Arco della Pace voluto per salutare Napoleone, il Castello degli Sforza e i nuovi simboli della modernità sono affiancati in un insieme che risulta armonioso e colpisce le emozioni.

La luce LED viene alimentata tramite ingresso USB: come se l’illuminazione di Skylight servisse a ravvivare un periodo storico, quello del Covid–19, che ha spento i riflettori sulla nostra città e sulle nostre vite, colpendo la Lombardia e Milano ancor più di altre regioni e capoluoghi. Caratteristica di Skylight è anche quella di illuminare l’architettura eterogenea di Milano, fare perno sul suo dinamismo, smantellare quell’aria di freddezza come luogo comune. Cioè valorizzare il carattere proattivo della città e della sua architettura che conserva al suo interno stili diversi e differenti epoche, facendole convivere.

LE SOLUZIONI TECNICHE

Tecnologia e precisione millimetrica permettono di concretizzare idee che hanno origine da uno schizzo…  partendo da una lastra in acciaio Calamina viene ricavato il contorno della città di Milano.

Non si tratta di un semplice acciaio: grazie alla lavorazione a caldo, la superficie appare ricca di sfumature e toni che variano di intensità e spessore. Con un trattamento di ceratura la Calamina, tuttavia, si mantiene stabile nel tempo e assume una colorazione più scura e intesa, che ben emergerà su una parete chiara o colorata.

Per il procedimento atto a ottenere la sagoma, la Produzione Terenzi segue i tradizionali passaggi del taglio laser e piega: attenzione e cura per il dettaglio durante ogni fase vengono garantite dal controllo Qualità